fbpx
Saremo presenti con uno stand al festival italiano del poker a Malta

@Top1Percent

Come funziona lo staking per gli spin and go?

Se sei un giocatore di Spin & Go e vuoi alzare il livello, bruciare le tappe, migliorare e salire ai livelli che contano, lo staking spin and go è la soluzione perfetta per te.

I Sit & Go hyper turbo a montepremi casuale sono noti per essere molto rapidi e dinamici, ma anche per una varianza molto alta, che a volte rende complicato scalare i livelli.

In altri termini, gli Spin sono un gioco battibile e profittevole – a discapito di chi ritiene che siano solo “gamblate” – ma il ruolo della fortuna e della sfortuna impatta nei risultati a breve–medio termine.

Uno staking Spin & Go ti può permettere di eliminare le preoccupazioni sul bankroll, di sopportare gli swing, di giocare per cifre potenzialmente maggiori e mantenere il focus sull’unica cosa che conta: la tua abilità al tavolo.

A questo proposito, quando lo staking diventa stak-coaching il vantaggio sale esponenzialmente: oltre a non dover pensare al roll, avrai il supporto di un esperto di Spin & Go che potrà aiutarti a trovare i tuoi leak, sistemarli e evolvere ogni giorno il tuo gioco.

Andiamo a vedere come funziona nel dettaglio:

Staking Spin & Go. Come funziona?

Lo staking consiste in un accordo tra due elementi: lo staker, il finanziatore, e lo stakato, il giocatore. Come avrai intuito, lo staker fornisce al giocatore un bankroll con cui grindare, solitamente seguendo un programma tipo “almeno X spin di un certo buy-in al giorno/settimana”.

Ovviamente lo staker ha anche i suoi interessi in gioco, e tipicamente guadagna una percentuale sulle vincite e/o una parte di rakeback del giocatore. In questo modo si genera una classica situazione di tipo win-win: lo stakato può giocare a livelli più alti e aumentare i guadagni senza rischiare patrimonio personale, mentre il finanziatore di fatto investe sulle qualità del player con l’obiettivo di avere un ritorno superiore all’investimento.

Nel nostro caso quando un giocatore invia la candidatura per il progetto di staking Spin and Go la scuola analizza i dati ricevuti e procede a un colloquio con il player, dove verranno valutati alcuni fattori come esperienza, abilità e non meno importanti, affidabilità e serietà.

Quando il colloquio ha un esito positivo, la scuola decide il livello da cui partire, con un certo numero minimo di game mensili da giocare, e il gioco ha inizio!

Dimentica gli swing: conta solo la cEV

Quando diciamo che “devi preoccuparti solo di giocare” intendiamo anche che, finché manterrai il tuo miglior A-game e non farai errori clamorosi, il tuo winrate conterà… relativamente.

Il bankroll infatti non è il migliore indicatore di bravura di un player, e non illustra se il giocatore batte o non batte il livello.

Di conseguenza non è correlato ai tuoi possibili level up e level down. La chip EV calcola l’atteso reale di un player (almeno dal medio termine in poi), ed è su questa che si baseranno le considerazioni per i livelli da giocare.

Detta in altre parole: se non runni benissimo, ma le tue scelte saranno corrette, potresti continuare comunque al livello che ti spetta (con un’integrazione di bankroll) o addirittura in alcuni casi scalare il livello.

Allo stesso tempo però, puoi essere un giocatore vincente ma con una strategia non idonea al livello, e l’effetto è esattamente il contrario.

Quindi è la situazione più meritocratica per un player: se ti impegni e giochi bene otterrai dei risultati e viceversa.

Coaching Spin and Go

Come abbiamo accennato all’inizio, il progetto è di tipo stak-coaching, quindi allo staking si unisce anche supporto e formazione di teoria, strategia, studio e analisi sui tuoi Spin & Go.

Il player stakato ha il diritto (e il dovere) di seguire le lezioni del coach tre volte a settimana, con l’obiettivo di massimizzare, giorno dopo giorno, le capacità del giocatore.

In questo modo – collegandoci all’esempio precedente – si punta a migliorare le performance ai tavoli e salire i livelli più velocemente possibile (ma sempre, ovviamente, con metodo e intelligenza).

Questo è un altro indice che per la scuola questo progetto sia un investimento a tutti gli effetti, di tempo oltre che di soldi, che mira a migliorarti e a farti crescere come giocatore. Puoi essere sicuro che il coaching sarà di qualità, perché la scuola ha tutto l’interesse nel farti vincere il più possibile. Se non è win-win questo…

Come vincere gli Spin & Go: strategia

In particolare all’esordio nell’online di questi Sit&Go lottery, c’è stata molta discussione sull’argomento: gli Spin and Go sono battibili o no?

Il tempo alla fine ha dato una risposta definitiva. Come nelle altre modalità di gioco del poker Texas Hold’Em, anche per gli Spin & Go esiste una strategia vincente nel lungo termine.

Per vincere negli Spin and Go bisogna studiare molte dinamiche, range di partenza ottimali dalle varie posizioni, e un po’ di gioco post-flop anche se molto diverso da quanto siano abituati i cash gamer o i giocatori MTT.

Ogni situazione è a sé, e bisogna imparare a riconoscere lo spot, stimare l’EV e prendere una decisione in tempi molto brevi vista la velocità che contraddistingue questo format.

Insomma, la strategia ottimale degli Spin & Go è tutt’altro che elementare, ma con il supporto di un buon coach (magari stak-coaching gratuito come quello che offriamo) potrai crescere come grinder e fare chiarezza fino a capire come vincere agli Spin and Go.

La nostra staking school è a tua disposizione!

Candidatura Staking

Abilita JavaScript nel browser per completare questo modulo.
Nome
Campo non obbligatorio, ma consigliato come valore di trasparenza
Qual è la tua disciplina principale?
Tramite software di tracking o Sharkscope
Indica il totale delle ore
Indica il livello di bui per il Cash Game oppure il Buy-In medio per tornei e Spin
Q

Top1Percent

Puntiamo sul valore

© Top1Percent Lug 21, 2024 Tutti i diritti riservati

Chi siamo

La scuola di poker che ti mette a disposizione tutti gli strumenti per iniziare il tuo percorso verso il professionismo.