fbpx
Le destinazioni più appettibili per i tornei live di poker

@Top1Percent

Coaching Poker: cosa aspettarsi da un coach valido

Il poker è un gioco che richiede abilità. Intendiamoci, anche la fortuna ha il suo peso nelle partite, ma conoscere bene le strategie e saperle adottare fa la differenza, soprattutto a certi livelli. Avete mai sentito parlare di breve, medio e lungo periodo? Ebbene, il breve può essere condizionato da fattori aleatori, cosa che accade meno spesso nel medio e praticamente mai in un tempo lungo. Significa che se un giocatore è scarso può vincere in poche decine di migliaia di mani, ma sicuramente le sue debolezze lo faranno perdere quando varcherà la soglia minima del lungo periodo. Un campione statistico significativo deve contenere almeno centomila mani giocate. Tuttavia, anche un giocatore tecnicamente dotato e di talento può avere bisogno di un coach per raffinare il gioco e consentirgli di avanzare di livello.

Perché affidarsi a un coach?

In molti si chiedono se prendere lezioni di poker sia corretto. La risposta è sì. Piuttosto, è doveroso chiedersi le motivazioni.

Le ragioni sono diverse:

• Sono un principiante
• Da molto tempo sono impantanato ad un livello basso con scarsi risultati
• Voglio salire di livello
• Voglio migliorare il mio approccio psico-fisico

Qualunque sia la motivazione, l’esperienza e la professionalità di un buon coach possono migliorare sensibilmente il nostro winrate e farci recuperare l’investimento in tempi ragionevoli.

Chi scegliere

Fare la scelta giusta è essenziale e può essere determinante per la nostra carriera. Nel circuito pokeristico ci sono molte opportunità, ma la domanda rimane: qual è il coach giusto? Non è una scelta facile, però esistono alcuni punti che possono fare la differenza e indirizzarci verso la strada corretta. Solitamente è preferibile rivolgersi ad un insegnante che abbia un’esperienza conclamata o che sia conosciuto da qualcuno che ne ha comprovato le doti di insegnamento. Molti coach creano contenuti o giocano in streaming, permettendo di valutarne le capacità di gioco e di insegnamento.

Ecco alcuni consigli che possono tornare utili:

• preferire una scuola di poker che è più strutturata e offre diverse soluzioni personalizzabili per l’allievo
• cercare un coach o una scuola che metta a disposizione corsi, video o contenuti gratuiti e a pagamento
• un buon coach spesso trasmette in streaming, spiegando i concetti chiave del poker anche durante il gioco
• Chiedere consigli a colleghi che hanno avuto esperienze dirette con un coach.

Quali sono gli aspetti fondamentali nel coaching?

Insegnare poker non è da tutti. Ci sono giocatori formidabili che non hanno l’inclinazione didattica, ovvero il metodo corretto per poter formare un giocatore. Talvolta danno per scontati alcuni concetti oppure semplicemente hanno poca pazienza. Un buon coach deve avere delle caratteristiche ben precise, eccone alcune che giudichiamo essenziali:

• profonda conoscenza tecnica e strategica del gioco
• ottima padronanza della matematica
• metodo di studio consolidato
• discernere l’insegnamento della giusta strategia a seconda delle situazioni
• cura nei dettagli dell’aspetto mentale
• conoscenza approfondita dei software di monitoraggio e controllo e dello studio dei range
• dominio dei solver più comuni per l’applicazione e l’implementazione della strategia GTO

Infine l’aspetto forse più importante: la passione. Un insegnante appassionato risulterà basilare perché avrà la capacità di trasmettere i concetti in modo più coinvolgente e decisivo.

Quali dovrebbero essere i doveri di un buon coach

Tra le cose che un coach deve fare nel percorso formativo ce ne sono alcune indispensabili per ottenere dei risultati soddisfacenti in un lasso di tempo ragionevole.

Tra questi citiamo:

• Analisi dettagliata del tuo gioco. Attraverso la revisione di mani giocate e sessioni di studio personalizzate, un coach può individuare i tuoi punti deboli e suggerire strategie per superarli.
• Sviluppo di un piano personalizzato. Un coach può aiutarti a creare un piano di studio su misura per le tue esigenze e i tuoi obiettivi, massimizzando il tuo tempo e le tue risorse.
• Supporto emotivo. Il poker è una disciplina in grado di divorare le risorse mentali di un giocatore. Gestire lo stress è fondamentale. Il Tutor può insegnarti a governare le emozioni, a mantenere la concentrazione e a sviluppare una mentalità vincente.

In sintesi…

Trovare un coach in grado di migliorarci è tanto importante quanto difficile. Non tutti fanno al caso nostro e sbagliare in questo senso può costarci tempo e denaro. Tuttavia, seguire alcuni buoni consigli può risultare determinante per il nostro percorso. Oggi la rete mette a disposizione molti strumenti che possono aiutarci e indirizzarci verso la scelta giusta. È vero, ci sono dei rischi che possono rallentarci. Come in una partita di Poker, l’importante è prendere la decisione corretta e coerente con le informazioni che si hanno sul momento, senza recriminazioni. Alla fine otterremo il risultato sperato.

Candidatura Staking

Abilita JavaScript nel browser per completare questo modulo.
Nome
Campo non obbligatorio, ma consigliato come valore di trasparenza
Qual è la tua disciplina principale?
Tramite software di tracking o Sharkscope
Indica il totale delle ore
Indica il livello di bui per il Cash Game oppure il Buy-In medio per tornei e Spin
Q

Top1Percent

Puntiamo sul valore

© Top1Percent Lug 21, 2024 Tutti i diritti riservati

Chi siamo

La scuola di poker che ti mette a disposizione tutti gli strumenti per iniziare il tuo percorso verso il professionismo.